Sono passati pochi mesi ma tutti ci ricordiamo le dichiarazioni del Governo per giustificare il taglio agli aumenti delle pensioni dal 1° gennaio, introdotti con la Legge di bilancio del 2019. “Nemmeno l’avaro di Molière si accorgerebbe dei pochi centesimi in meno” (Conte). “Nessun pensionato avrà un euro in meno” (Salvini). “Noi non mettiamo le mani in tasca ai pensionati” (Di Maio). Dopo le false promesse elettorali: “aboliremo la Fornero”, le bugie per giustificare la conferma della parte più odiosa, “i pensionati trattati come bancomat”.

Visualizza il volantino