BLOCCO DELLE PENSIONI 2012/2013 Dopo la Sentenza n°. 70/15 della Corte Costituzionale, che ha giudicato illegittimo il blocco della legge “Fornero”, con il DL 65/15 “convertito” con la Legge 109/15, il Governo ha “riconosciuto” solo parzialmente (10/15% circa) quanto è stato effettivamente “tolto” ai Pensionati con il blocco (con effetti negativi permanenti sulle pensioni).

Lo SPI CGIL e l’INCA hanno avviato varie “vertenze pilota”, per chiedere che sulla legittimità della Legge 109/15 si pronunci la Corte Costituzionale. Ora dopo che vari Tribunali hanno “rimesso” alla Corte Costituzionale il giudizio sulla legge 109/15 siamo in attesa che la Corte Costituzionale si esprima sulla legittimità sulla Legge 109/15. Tale pronunciamento dovrebbe avvenire nella primavera del 2017. L’impegno dello SPI CGIL e dell’INCA ora è quello di ricordare a tutti i Pensionati e le Pensionate che hanno subito il blocco della rivalutazione negli anni 2012 e 2013, di interrompere la prescrizione quinquennale con una semplice raccomandata con ricevuta di ritorno all’INPS (o presentandola direttamente a una sede dell’INPS ottenendo una specifica ricevuta). Presso tutte le nostre sedi troverete l’apposito modulo. LA RACCOMANDATA VA INVIATA ENTRO IL 31 DICEMBRE 2016 I CINQUE ANNI SCADONO A FINE 2016