Società di servizi fiscali cerca candidati interessati alla partecipazione ad un percorso formativo GRATUITO, finalizzato ad un’eventuale assunzione a tempo determinato per la mansione di operatore fiscale, previa selezione finale

 

Inviare curriculum via e-mail a:

ricerca.personale[at]caafcgilvenezia.it

Nella riunione della delle Commissioni congiunte del Comune di Venezia l’Assessore Romor ha illustrato quanto fatto dalla Giunta sino ad oggi sul nodo dei servizi educativi e del precariato. L’Amministrazione ha assunto la scelta di procedere con 47 assunzioni sia dalla graduatoria 2014 che del 2010. La graduatoria nidi e infanzia 2014 è stata esaurita con 30 persone e le rimanenti 17 da quella del 2010. L’Assessore ha affermato che dal punto di vista dell’Amministrazione è stata fatta una scelta ponderata che risponde alle esigenze necessarie per il mantenimento del servizio.

 

L’Assessore ha aggiunto che non vi è la possibilità di assumere supplenze a carattere temporaneo sino al 31/12 e che quindi si ritiene di utilizzare personale all’interno dell’Ente per garantire, in sovrannumero, il servizio avendo una riserva di circa 10/12 lavoratori che hanno dato la disponibilità.

L’Assessore ha anche ribadito la propria convinzione in merito alla correttezza dei colloqui fatti con il personale presente nelle graduatorie. 

Come Cgil – dichiara Daniele Giordano Segretario Generale Fp Cgil – nel nostro intervento abbiamo ribadito che dal nostro punto di vista c’è una chiara volontà di ridurre i servizi educativi che si evince da:

  • Non vengono accolti i bambini fuori termine riducendo, nei fatti, il fabbisogno di personale;
  • Le graduatorie non sono state scorse nella loro interezza assumendo tutto il personale;
  • Non vengono banditi concorsi per il personale che ha superato i 36 mesi e che potrebbe essere stabilizzato;
  • Il Comune ha tentato in tutti i modi di evitare le assunzioni spostando personale interno, lo dimostra il fatto che sia stato contattato anche personale inidoneo o parzialmente inidoneo;
  • I colloqui sono stati fatti per fare indebite pressioni sulle educatrici anche in considerazione dei ricorsi presentati da alcune di loro;
  • È stata data ad AMES l’indicazione di contrarre il numero di personale ausiliario necessario.

 Tutte scelte che dimostrano come il Sindaco nei fatti mantenga la propria volontà di ridurre il servizio per, a nostro avviso, arrivare alle condizioni per una sua privatizzazione. 

Rispetto al precariato più in generale presente nell’Ente, l’Assessore Zuin ha affermato che nel bilancio sono allocate le risorse per procedere ad assunzioni dal 2017, in considerazione dello sblocco delle stesse legato alle attuali sanzioni per lo sforamento del patto di stabilità.

L’Assessore Romor ha però aggiunto che è in atto una riorganizzazione complessiva della macchina amministrativa che riguarda in particolare modo il personale delle municipalità e che gli esiti di quel processo determineranno il fabbisogno di personale.

 Queste affermazioni dimostrano ancora una volta come non vi sia la scelta di assumere personale, fatta eccezione per la Polizia Locale e gli “stradini del Sindaco”, ma di spostare il personale delle municipalità per rivedere i servizi nel territorio. Non si vuole dare nemmeno alcuna certezza al personale precario che, pur avendo i requisiti, non verrà assunto.

Ad ogni modo il Presidente della Commissione Consiliare Fiano ha annunciato una nuova convocazione prossimamente sul tema. 

Come Cgil – conclude Daniele Giordano - abbiamo già inviato nei giorni scorsi all’Assessore Romor e all’Assessore Mar una richiesta di incontro proprio sul tema municipalità e rinnoviamo l’invito ad un incontro urgente. Se non vi sarà una chiara risposta e una convocazione a breve valuteremo di indire lo stato di agitazione del personale delle municipalità che non può restare in questa condizione di incertezza che determina anche una contrazione dei servizi ai cittadini.