Stampa

Apprendiamo leggendo la stampa locale che sarebbe prossima l'apertura di un "chiosco di informazioni" gestito da AEP (Associazione Esercenti Pubblici Esercizi) a Piazzale Roma.  Stupisce che proprio a Piazzale Roma, dove da anni è operativo un ufficio IAT di Informazione ed accoglienza turistica gestito da A.P.T., aperto 363 giorni all'anno, con personale qualificato, e che fornisce informazioni su tutto il territorio (Centro Storico e Terraferma), AEPE ritenga necessario allestire un chiosco informativo.

Di che cosa si tratta? Di informazioni generali sulla città? Di informazioni sugli alberghi? Di informazioni sui pubblici esercizi? Questo non si sa. Come non si sa se questa operazione è stata gestita  con l'approvazione della Regione Veneto e nemmeno con che personale verrà portata avanti.  Stupisce ed amareggia questa paradossale iniziativa dal momento che il Presidente AEPE dott. Elio Dazzo - che  fino a qualche anno fa rivestiva la carica di Presidente dell'Ambito di Venezia proprio all'A.P.T. di Venezia-  dovrebbe essere a conoscenza della situazione di grave incertezza che coinvolge le lavoratrici ed i lavoratori dell'A.P.T.

  Come Sindacato ci chiediamo per quanto tempo ancora in questa città si continuerà a gestire il turismo ciascuno per proprio conto, senza un necessario coordinamento del Sindaco e dell'Assessore al Turismo ed una conseguente sinergia di tutti i soggetti coinvolti (ivi comprese le categorie economiche) come richiesto dalla vigente legge regionale e con il coinvolgimento di quei lavoratori che per anni hanno svolto con serietà e professionalità un servizio a favore degli ospiti della città e delle categorie economiche e che attualmente temono per la stabilità del loro posto di lavoro.