Cara collega, caro collega,
in occasione della tua immissione in ruolo, nell’ augurarti buon lavoro, vogliamo mettere a tua disposizione la nostra esperienza per rafforzare la tutela della tua professionalità.

La stabilizzazione per la FLC CGIL è da sempre un obiettivo prioritario e proprio per questo continueremo ad impegnarci, affinché, valorizzando tutte le professionalità, venga assicurata l’assunzione a tempo indeterminato a tutti i lavoratori, docenti educatori e ATA, ingiustamente rimasti fuori dal piano di assunzioni della legge 107/15 ma che in questi anni hanno operato con grande senso di responsabilità, per garantire il funzionamento della scuola pubblica.
Non è un caso se la Federazione Lavoratori della Conoscenza è il sindacato che per primo nel nostro Paese ha collocato in una “casa comune” tutti coloro che lavorano nel vasto mondo della Conoscenza, nel pubblico e nel privato: dalla scuola all’università, d agli enti di ricerca all’alta formazione artistica e musicale.
Dalla “casa comune” siamo partiti per rivendicare il pieno riconoscimento economico e normativo alle varie forme di precariato che interessano tutti i comparti della Conoscenza.
La legge 107 del 2015, attraverso la titolarità di ambito e la “chiamata diretta”, è intervenuta pesantemente sulla libertà di insegnamento, fulcro dell’idea di scuola della Costituzione.
Grazie all’ azione sindacale, per quest’anno siamo riusciti ad ottenere il superamento della chiamata diretta. Ora ne vogliamo la cancellazione definitiva attraverso l’abrogazione delle norme di legge che la prevedono.
Speriamo di trovarti accanto a noi, anche nella battaglia che già ci prepariamo ad affrontare per il prossimo rinnovo del contratto nazionale di lavoro, dopo quasi dieci anni di blocco contrattuale, un importante passo verso la riconquista del principale strumento di tutela salariale e normativa per
ripristinare i diritti calpestati dalla legge 107/15.
Il contratto sarà la guida della tua attività professionale e il sindacato ti sarà accanto per tutte le azioni di tutela di cui avrai bisogno.
In questo modo, la scuola che ti accoglierà sarà ancora un luogo in cui potremo continuare a contrastare gli effetti nefasti della legge 107/15, pronti a rappresentare e difendere le legittime proteste del mondo della scuola che vuole guardare al futuro, ma preservando i valori sani che l’hanno sempre contraddistinta.
Per vincere contiamo anche su di te. Il successo delle rivendicazioni sindacali deve essere il risultato del contributo e della partecipazione di tutti, per questo ti chiediamo, se non l’hai già fatto, di aderire alla Cgil, per aiutarci ad allargare gli spazi di partecipazione dei lavoratori che ogni giorno
rinnovano l’impegno di quella Comunità educante che coopera e dialoga nella scuola pubblica.
Noi crediamo nella forza della partecipazione democratica ed è per questo che i nostri iscritti sono il nostro gruppo dirigente diffuso nei posti di lavoro. È impegnandoci insieme che la FLC CGIL intende rafforzare la sua capacità di tutela dei diritti e di iniziativa sindacale.