Mercoledì 20 aprile 2016 alle ore 16.30 all’ ITIS Pacinotti in via Caneve a Mestre ASSEMBLEA SUI REFERENDUM #Buonascuola

1 – Abrogazione di norme sul potere discrezionale del dirigente scolastico di scegliere e di confermare i docenti nella sede.
2 – Abrogazione di norme sul potere del dirigente di scegliere i docenti da premiare economicamente e sul comitato di valutazione.
3 – Abrogazione di norme sull’obbligo di almeno 400-200 ore di alternanza scuola-lavoro.
4 – Abrogazione di norme sui finanziamenti privati a singole scuole pubbliche o private.
I quattro quesiti sulla scuola vogliono cancellare:
i poteri discrezionali del dirigente di scegliere i docenti, di confermarli o mandarli via dopo un triennio e di premiarli per un presunto “merito”, con il pericolo di gestioni clientelare delle assunzioni e di limitazione della libertà di insegnamento e apprendimento;
l’obbligo per le scuole di fare almeno 400/200 ore di alternanza scuola-lavoro, che riduce l’insegnamento a favore di attività che spesso diventano lavoro gratuito e imposizione agli studenti di prestazioni dequalificate; senza il tetto obbligatorio l’ASL verrebbe più facilmente ricondotta ad un’attività complementare e non sostitutiva dell’attività curriculare di insegnamento;
la possibilità di effettuare donazioni a singole scuole, con il rischio di finanziamenti privatistici, competizione tra le scuole, disuguaglianze e favori fiscali a coloro che frequentano istituti privati.
Firmare significa schierarsi a favore di pluralismo di idee e metodologie, collaborazione democratica negli organi collegiali, piena autonomia delle scuole nel decidere il proprio Piano dell’Offerta Formativa, erogazioni di fondi all’intero sistema nazionale di istruzione