Sportelli chiusi alla Rent Maggiore dell’Aeroporto Marco Polo di Venezia dove i dipendenti hanno organizzato una distribuzione di volantini ai clienti per spiegare le motivazioni dello sciopero di oggi. Contemporaneamente a Roma, si svolgeva un sit-in dei lavoratori davanti a Montecitorio.

Una delegazione è stata ricevuta da alcuni parlamentari e l’iniziativa ha avuto risonanza anche nei media nazionali. “Anche se il nostro posto di lavoro non è in discussione nell’immediato non possiamo permettere che un marchio italiano e un’azienda in salute si venda al miglior offerente senza preoccuparsi della sorte dei propri dipendenti che hanno innegabilmente contribuito al suo successo nel mercato”, afferma la delegata Filt Cgil di Venezia Beatrice Naletto. “Con questa battaglia vogliamo mantenere l’attuale contratto e le tutele dei lavoratori, ma anche uno stile italiano nell’organizzazione del lavoro e nella modalità del servizio offerto alla clientela che si differenzia dall’approccio delle multinazionali dell’autonoleggio nel settore”, conclude Federica Vedova della segreteria Filt Veneto.

Vedi calendario e motivazioni sciopero su:

http://www.filt.veneto.cgil.it/content/rent-maggiore-sciopero