Oltre a salvare i posti di lavoro la Filt Cgil di Venezia ottiene il riconoscimento dei diritti per le unioni di fatto in una cooperativa di trasporti con committenza UPS. Nell'accordo infatti si prevede il trattamento omogeneo, delle coppie conviventi in una stabile relazione di fatto gay o L.B.T. o etero, a quello assicurato dal CCNL Trasporto Merci Logistica per le coppie coniugate secondo la legge italiana.

"Questo accordo - afferma Marcello Salbitani, che ha seguito le trattative per la Filt - dà una svolta importante alla contrattazione sui diritti e fornisce risposte concrete nel settore delle cooperative. Un accordo precursore dei tempi - visto che in questi giorni in Italia si discute di questo - in un mondo difficile come quello delle cooperative".  Dopo giornate di intense trattative, la Filt Cgil ha firmato l'accordo per garantire il passaggio di 37 lavoratori del sito aeroportuale di Tessera con committenza UPS che avrebbero perso il lavoro il 31/1/2016. I lavoratori erano assunti dalla Gesco Centro tramite una delle sue cooperative consorziate che ha portato i libri in tribunale. Grazie all’accordo della FILT CGIL di Venezia, hanno fin da subito (dal 1/2/2016) un contratto a tempo indeterminato, senza periodo di prova e sono assunti da una cooperativa del Consorzio Gaia. Insiste Salbitani : "Oltre al posto salvo, al rispetto degli accordi sindacali precedenti, gli handlers addetti alla movimentazione pacchi del sito lavorativo, avranno da oggi anche un diritto esigibile in più e molto avanzato". "Questo ulteriore risultato dei lavoratori iscritti alla FILT CGIL di Venezia - conclude Salbitani- testimonia come si possa lavorare seguendo le regole di un Contratto Nazionale (merci e logistica) anche in questo periodo difficile, dando certezze e stabilità ai lavoratori con un contratto che in più prevede diritti avanzatissimi".