Società di servizi fiscali cerca candidati interessati alla partecipazione ad un percorso formativo GRATUITO, finalizzato ad un’eventuale assunzione a tempo determinato per la mansione di operatore fiscale, previa selezione finale

 

Inviare curriculum via e-mail a:

ricerca.personale[at]caafcgilvenezia.it

Siamo sconcertati e affranti per la terribile vicenda che ha coinvolto la povera ragazza vittima dello stupro a Jesolo e vogliamo esprimere la più grande vicinanza a lei e alla sua famiglia. La violenza e la sopraffazione subite non sono accettabili da nessun punto di vista e chiediamo che la giustizia, una volta accertate le responsabilità, agisca con fermezza e determinazione per punire chi si è macchiato di un gesto così grave, vile e terribile.

Nonostante le denunce e le tante iniziative, pare non placarsi mai la vigliacca violenza contro le donne. E’ davvero necessaria una profonda attività preventiva che, nel mettere assieme tutta la società civile, a partire dalla scuola, faccia crescere la cultura del rispetto isolando ogni focolaio, anche dialettico, lessicale, che possa alimentare tali fenomeni.

Ribadiamo che servono fermezza e determinazione nella condanna di questi episodi: non si può permettere, però, che qualcuno li strumentalizzi o li faccia rientrare in una strategia delirante, fatta di caccia alle streghe o di giustizia sommaria ed incivile.

Non intendiamo alimentare la polemica e neppure dare rilevanza ad atti che non avrebbero alcuna dignità di ricevere attenzioni e discussioni particolari ma, a loro volta, solo una ferma denuncia. Esporre, come avvenuto a Jesolo, un manichino impiccato è un’azione vile ed insensata che si carica di significati razzisti e xenofobi e, peggio, strumentalizza il dolore della violenza subita da una donna per fini diversi dal contrasto concreto di questo fenomeno.

I flussi migratori di esseri umani che cercano una vita migliore non saranno arginati strumentalizzando o alimentando la paura nel Paese, aumentando spesso senza ragione la diffidenza e l’isolamento delle persone, ma con politiche europee e nazionali di accoglienza diffusa e di integrazione per le quali tutte e tutti assieme dobbiamo impegnarci.

Dove queste condizioni si sono già realizzate nel nostro territorio donne e uomini, provenienti da diversi continenti, vivono, lavorano e producono assieme a noi cercando di migliorare la società. Solo la coesione di questa comunità sarà in grado di garantire la sicurezza contro qualsiasi atto di violenza da qualunque parte esso provenga.