SOLIDARIETA’ DELLA CGIL DI VENEZIA A GIANFRANCO BETTIN- Nel Municipio di Marghera è stato bruciato il suo libro “Cracking”, dopo essere stato sfregiato da svastiche naziste. Ugo Agiollo (segretario generale della Cgil di Venezia ) afferma che “Questa vicenda inquietante dà la misura del clima di intimidazione fascista che sta percorrendo il nostro Paese”

Nonostante le recenti misure atte al contenimento dell'epidemia Covid-19 verifichiamo che presso gli sportelli degli Istituti Bancari veneziani e le filiali di Agenzia delle Entrate Riscossione, che al momento restano aperti al pubblico, l'afflusso di utenza e clientela non è legato, per la maggior parte dei casi, ad esigenze di natura indifferibile e pertanto molti cittadini si pongono in aperta violazione delle correnti disposizioni contenute nell'ultimo Decreto #IoRestoaCasa che, lo ricordiamo, permette esclusivamente gli “spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute”.
Le Segreterie Provinciali di FABI FIRST-CISL FISAC-CGIL UILCA e UNISIN sono consapevoli dell'insostituibilità del rapporto personale con gli operatori, ma in questa fase invitano la cittadinanza a rispettare le prescrizioni che giungono dalle Istituzioni, non solo per evitare le sanzioni previste ma anche e soprattutto per l'importanza che assume il comportamento di ognuno di noi, in un momento straordinario, per uscire insieme dall'emergenza.

Leggi il comunicato stampa

LE SEGRETERIE PROVINCIALI

CGIL CISL UIL Venezia

INCONTRO CON IL PREFETTO DI VENEZIA SULLA GESTIONE DELLA EMERGENZA SANITARIA NEI LUOGHI DI LAVORO E LE POSSIBILI RICADUTE NEGATIVE NEL SISTEMA PRODUTTIVO

Nella mattinata di oggi 26 febbraio CGIL CISL e UIL provinciali sono state ricevute dal Prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto, al quale hanno rappresentato le principali criticità vissute da lavoratori, lavoratrici e utenti in conseguenza della emergenza sanitaria da Coronavirus.

PROCESSO CONTRO LA ‘NDRANGHETA.  LA CGIL PERCORRERÀ TUTTE LE STRADE PER L’AMMISSIONE A PARTE CIVILE, COSÌ COME AVVENUTO AD ERACLEA E NEL PROCESSO AEMILIA

 LO ANNUNCIA LA SEGRETERIA DELLA CGIL DEL VENETO DOPO CHE IERI IL TRIBUNALE DI VENEZIA NON HA AMMESSO I SINDACATI CONFEDERALI. QUESTO IL COMUNICATO:

Dopo una lunga trattativa è stata siglata oggi l’ipotesi di accordo del gruppo Piaggio. L’accordo prevede oggettivi miglioramenti economici per i lavoratori e alcuni vantaggi sulla parte normativa.

Sulla parte normativa le principali novità sono:

Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace. A MESTRE DALLE 17 UNA FIACCOLATA PARTE DA VIA PALAZZO

Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti. “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.

Le associazioni studentesche Rete degli Studenti Medi e Unione degli Universitari, in collaborazione con CGIL, SPI, e ANPI 7 Martiri, organizzano anche quest’anno una raccolta beni di prima necessità a sostegno delle persone che vivono ai margini delle strade. L’iniziativa coniuga l’educazione alla solidarietà e alla cittadinanza attiva con un gesto semplice, ma significativo: la raccolta di coperte e indumenti intimi puliti.

Dichiarazione di Christian Ferrari (segretario generale Cgil Veneto), Ugo Agiollo (segretario generale Cgil Venezia)

"Come Cgil Veneto e come CGIL VENEZIA abbiamo scelto di costituirci parte civile nel processo contro la Camorra a Eraclea che si è aperto ieri. E ci siamo trovati in buona compagnia con l’associazione Libera, con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e con il Ministero dell’interno. MANCAVANO, PURTROPPO, LE ISTITUZIONI TERRITORIALI: REGIONE VENETO, CITTÀ METROPOLITANA DI VENEZIA, ENTI LOCALI.

Cgil condanna aggressione fascista ad Arturo Scotto. Basta sottovalutazioni e ambiguità della politica. Lo dicono Christian Ferrari, Segretario generale CGIL Veneto, e Ugo Agiollo, Segretario generale CGIL Venezia

 Nella pagina la loro dichiarazione: “La vigliacca aggressione di stampo fascista ai danni del coordinatore nazionale di Articolo 1, Arturo Scotto, a Venezia è l'ennesimo episodio di intolleranza e di violenza che si verifica nella nostra regione,