Da Lunedì 20 febbraio la Sede di San Donà di Piave si è trasferita in Via Jesolo 14. Rimangono invariati gli orari e i servizi

CON DUE SI’ TUTTA UN’ALTRA ITALIA- Oggi (3.2.17) assemblea generale della Cgil di Venezia per il lancio della campagna referendaria a Mestre L’assemblea generale delle delegate e dei delegati della Camera del Lavoro Metropolitana di Venezia  ha posto le basi per l’apertura della campagna referendaria sui due referendum promossi dalla Cgil sulla responsabilità negli appalti e sui voucher.

Sarà operativa dal 9 gennaio 2017 la sede della Camera del Lavoro di Dolo che torna dopo alcuni anni nella sua storica collocazione in via Cantiere  4 nella splendida cornice dello Squero.

Ci vorrà qualche giorno per formulare un giudizio adeguato, di merito e quindi completo sul testo sottoscritto dal Presidente del Consiglio e dal Sindaco Brugnaro, il “Patto per Venezia”, poiché contiene realmente molti elementi da approfondire.

Benvenuto a Venezia, signor Presidente del Consiglio.
Salutiamo la sua visita qui e il patto che lei sottoscriverà con la nostra Città, come un atto politico di grande valore e siamo certi che le ipotizzate risorse che il Governo indirizzerà al nostro territorio, siano un importante elemento di attenzione ad un area metropolitana che da troppo tempo sta cercando di trovare quel rilancio che merita e che tutti i suoi cittadini attendono.
Una cosa è certa. Così come stanno le cose non andiamo da nessuna parte.

In una fase tanto delicata per le vicende, non solo delle lavoratrici e dei lavoratori del Comune di Venezia, nei vari incarichi e con varie mansioni che garantiscono alle cittadine e ai cittadini del nostro territorio eccellenze sui servizi e accesso ai diritti di cittadinanza, appare proprio incomprensibile 'atteggiamento del signor Sindaco che si contraddistingue per una aggressività fuori dalle righe e con metodi anche comunicativi che divaricano e irrigidiscono le relazioni sindacali, piuttosto che favorire il recupero di un terreno contrattuale e politico che il suo ruolo dovrebbe innanzitutto garantire.

Carissime e carissimi,
oggi, l’Onu, l’Italia e il mondo intero commemorano la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, proponendo iniziative atte a sensibilizzare uomini e donne su questo tema.
Ogni anno nel nostro paese troppe donne vengono uccise da uomini che conoscono o con cui, nella maggioranza dei casi, hanno una relazione affettiva. Mariti, compagni, fidanzati, che maltrattano, picchiano, violentano e uccidono brutalmente.