Fermare la strage. Subito! è ora che ognuno si assuma le proprie responsabilità! Gli sbarchi e le stragi che si stanno susseguendo in questi giorni nel Mediterraneo devono trovare risposte e soluzioni di accoglienza non solo da parte del nostro Paese ma anche a livello di Unione Europea.

Di fronte a fatti di tale gravità serve un cambiamento delle scelte politiche e delle leggi finora messe in campo in tutta l'UE.

La CGIL di Venezia, a sostegno della giornata di mobilitazione nazionale, ribadisce la necessità di un disegno europeo per i sistemi di accoglienza, per la creazione di corridoi umanitari per i rifugiati e per politiche degli stati membri che siano in grado di affrontare alla radice il problema con interventi di solidarietà e di pace.

L'UE ed il Governo Italiano devono farsi carico delle loro responsabilità e assumere come obiettivo prioritario non la difesa delle frontiere ma quella dei diritti umani.

Queste morti non possono consentire più a nessuno di perdere tempo e continuare a pronunciare parole vuote, si tratta di esseri umani, non di fantasmi!!!

21 aprile 2015
Giornata di mobilitazione nazionale
A Roma appuntamento a partire dalle 14,30 davanti a Montecitorio